Vergogna a Trento: profughi gettano nei cassonetti il cibo. Anziani italiani alla fame


Il Governo come al solito se ne lava le mani. Ma siamo sicuri che questa situazione non e volutamente provocata dal Governo stesso?

Da quello che i cittadini ricevono dal Governo sembra proprio di si. Il mene frego di chi ci governa dovrebbe essere punito a calci in culo.

 

Trento, profughi in rivolta: “Non accogliete degnamente”

 

Si è tenuta ieri mattina una conferenza stampa presso la sede della Lega in Trentino per mettere a conoscenza i cittadini delle spese che la Provincia sostiene quotidianamente per il mantenimento dei cosiddetti “profughi”. Il responsabile locale, Maurizio Fugatti, ha illustrato, sulla base di varie risposte date dall’Assessore Zeni ad alcune specifiche interrogazioni presentate in questi mesi, che la Provincia di Trento eroga, oltre ai soldi e al vitto e alloggio erogato dal Governo.cibi-per-i-clandestini-nei-cassonetti-della-spazzatura-620x264

Buoni spesa mensili per l’acquisto di generi alimentari ed extralimentari del valore di 150,00€ a persona, buoni spesa che vengono utilizzati, come da testimonianze varie, in buona parte per l’acquisto di ricariche telefoniche.
Oltre ai buoni spesa i “profughi”, dei quali fino ad ottobre nessuno dei 1000 presenti in Trentino è di origine siriana, hanno i trasporti gratuiti. Possono viaggiare in treno e in autobus gratuitamente per tutto il Trentino.
Oltre alle ricariche telefoniche e ai trasporti hanno anche la sanità gratuita, e disprezzano il nostro cibo. Infatti da segnalazioni interne di un centro di accoglienza si viene a sapere che molto del cibo preparato quotidianamente viene buttato in quanto non di loro gradimento, come da foto allegata:profughicibo

E’ inoltre stato confermato dall’assessore Zeni che presso la struttura di accoglienza delle Viote del Monte Bondone gli ospiti fumano nelle stanze, nonostante il divieto, facendo scattare l’allarme antincendio, che è stato poi danneggiato dagli stessi per poter fumare indisturbati. Per punire i responsabili, l’assessore dice: “non avendo individuato i responsabili sono stati sanzionati tutti i componenti delle quattro stanze togliendo per quindici giorni il pocket money e facendo per ciascuno un richiamo scritto”. La Provincia ha poi provveduto a chiamare la ditta per ripristinare il corretto funzionamento dell’impianto di antincendio. Altri costi per la comunità. La Lega Nord Trentino chiede alla Giunta Rossi che si dica STOP all’arrivo di ulteriori profughi, dato che in Trentino ne vengono ospitati già mille, e che vengano tolte tutte queste forme di privilegio sanità, trasporti, pocket money, oltre ai 30 euro giornalieri, che possono sicuramente mettere in difficoltà e dar fastidio ai molti trentini che non arrivano alla fine del mese.

 

Hanno iniziato ad insultare i mediatori culturali della Residenza Brennero, poi, gli animi si sono scaldati e hanno cominciato a massacrarli di botte. Alcuni profughi, questo pomeriggio, sono scesi in piazza per protestare: “Le tessere che la Provincia ci dà non ci permettono di comprare tante cose. Dateci i soldi così li usiamo come vogliamo“.

Gli immigrati, accolti dalla Cinformi di Trento, ricevono giornalmente una tessera che garantisce loro gli acquisiti di prima necessità. Ma a loro parere, la disponibilità della scheda è troppo limitata e rivendicano più denaro. “La qualità delle visite mediche fanno pena e le ricariche telefoniche che ci date sono bassissime. Non riusciamo nemmeno a comunicare con i nostri parenti. Non ci state accogliendo degnamente.” – hanno urlato i profughi.

Per questo motivi, oggi, gli immigrati sono scesi in piazza a protestare e hanno bloccato il traffico impedendo ai cittadini di muoversi tranquillamente nel centro della città. La polizia è subito corsa sul posto e, dopo un violento scontro, è riuscita a placare gli animi dei ribelli che insultavano anche gli automobilisti fermati dalle loro proteste.
Immediatamente è arrivato il commento della Lega Nord che indignata ordina l’espulsione immediata dei clandestini.

 

– See more at: http://www.riscattonazionale.it/2016/01/25/vergogna-trento-profughi-gettano-nei-cassonetti-cibo-anziani-italiani-alla-fame/#sthash.suL5P5Wz.dpuf

 

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s